Pages

martedì 5 marzo 2013

Recensione: IL Bacio della Morte di Marta Palazzesi

7 commenti:

  1. Ti stimo per il coraggio di voler leggere anche il secondo LOL
    Io non ho tollerato così tanto la copia all'Accademia dei vampiri e quindi non penso proprio leggerò il prossimo...
    Comunque bella recensione ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Voglio dargli un'altra possibilità, speriamo bene ;)

      Elimina
  2. ogni recensione che ho letto mi ha fatto storcere il naso per questo libro e vedo che anche tu non ne sei entusiasta… io passo!
    oggi ho postato la recensione de “Il trono di spade”… a te è piaciuto se non ricordo male!
    Se ti va di passare a leggerla, la trovi qui:
    http://locandalibri.blogspot.it/2013/03/recensione-de-il-trono-di-spade.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Su purtroppo è andata male Clody!
      Vado subito a vedere la recensione, comunque si adoro il trono di spade *-*

      Elimina
  3. fra il mucchio di recensioni negative ne avrò letta solo una di positiva :/ Non penso di poter leggere una copia della serie della Mead...mi girerebbero non poco XD Si assomigliano anche i nomi!

    RispondiElimina
  4. Delusione, totale delusione!!!
    All'inizio ho trovato solo recensioni positive da 5 stelline, quindi mi ero messa in testa che fosse il libro dell'anno.
    Ma appena letto mi sono accorta delle molte somiglianze con L' accademia del vampiro.
    Tralasciando la scopiazzatura, che mi ha fatto arrabbiare abbastanza, dato che amo la serie della Mead.
    Non ho trovato azione, pochissime descrizioni, siamo in Romania, ma non ci viene descritto nulla, solo dell'accademia e del boschetto che circonda la scuola!!!
    Non so se leggerò il secondo libro!!
    Complimenti per la video recensione

    RispondiElimina
  5. sì, in effetti era un bel po'simile a quello di Richelle Mead (che mi è piaciuta tantissimo, oltretutto), ma secondo me c'è anche qualcosa di diverso... insomma, io sono una di quelle persone che non trova mai i libri brutti, e mi è piaciuto lo stesso. Però spero vivamente che il secondo libro sia qualcosa di diverso, sono curiosa di leggerlo!

    RispondiElimina